Le delusioni ti cambiano

Diceva Oriana Fallaci:”niente ferisce, avvelena, ammala, quanto la delusione”.


Ognuno di noi ha i suoi valori: pilastri della propria conoscenza del mondo, di cosa è l’amore, del rispetto, dell’amicizia e anche del buon senso.
Siamo consapevoli  del fatto che è impossibile andare in toto d’accordo con persone che conosciamo o che fanno parte della nostra vita.
Tuttavia, esigiamo rispetto; ci aspettiamo, quantomeno, la doverosa fiducia e autenticità: in molti casi questo principio è disatteso.

Le delusioni ti cambiano. Rendono i cuori più freddi, le paure più evidenti e le anime più pesanti.
Capita un po’ a tutti di rimanere delusi. Sono tante le persone che vivono questo senso  frammisto di tristezza e frustrazione:
si possono persino attraversare stati psicologici molto dolorosi, al punto di evitare di instaurare relazioni per paura di rivivere la stessa esperienza.
Ebbene è  importante sapere che la delusione è un sentimento e non un'emozione.  Non si tratta di una semplice reazione ad un evento, ma è implicata anche la nostra cognizione, cioè pensieri, credenze e schemi di ragionamento.
E’ allora  importante riconoscere che la delusione è determinata dalle nostre aspettative e non ha realmente a che vedere con l’altra persona; quindi riformulare le aspettative che abbiamo per gli altri in termini più realistici ovvero: stabilire se le attese che avevamo erano realistiche o irrazionali.
Se sono aspettative realistiche, allora  possiamo esprimere all’altra persona  cosa ci attendevamo e in quale stato d’animo ci ha fatto stare ciò che è successo, senza dare colpe e render la possibilità di rettificare se  l’altra persona ha volontà di farlo; individuare delle strategie funzionali a gestire le emozioni scatenate che ci fanno stare male.

Queste esperienze possono rappresentare un nuovo punto di partenza, possono consentire il passaggio ad una nuova prospettiva: imparare ad accettare le imperfezioni, partendo da se stessi, permette di sapere valutare meglio le buone relazioni, di gestire meglio le comunicazioni autentiche e rafforzare la propria stima.


L’essere umano è fatto di contraddizioni che tenta faticosamente di attenuare attraverso i processi di maturazione: l’unica gioia al mondo è cominciare.
Come diceva Cesare Pavese “.. E’ bello vivere perché vivere è cominciare, sempre, ad ogni istante”.

Richiesta informazioni
Nome *
Cognome *
Telefono *
Email *
Età
Titolo di studio
Professione
Interessato a
Note *
Ho letto l'informativa su Privacy e Termini di Utilizzo e presto il mio consenso

Invia richiesta
Ultime News
05 giugno 2024
In ogni rapporto di coppia le crisi, le incomprensioni, i malintesi, possono considerarsi fisiologici: ciò non rappresenta un problema se vi è la capacità di superare le difficoltà dialogando in modo da apportare cambiamenti a queste "sofferenze". Tuttavia se nell'esprimere le proprie ragioni, la rabbia non...
Leggi di più
29 maggio 2024
Può capitare che lo stato d'ansia ci assalga e non ci permetta di vedere le soluzioni a portata di mano: agitazione e mente affollata da mille pensieri ci rendono tutto caotico, complicato e gigantesco. Occorre allora imparare a parcellizzare i problemi trattandone uno alla volta, partendo da quello emergente e...
Leggi di più
23 maggio 2024
𝐂𝐨𝐦𝐮𝐧𝐢𝐜𝐚𝐳𝐢𝐨𝐧𝐞 𝐞𝐟𝐟𝐢𝐜𝐚𝐜𝐞: 𝐢𝐥 ❤️ 𝐝𝐞𝐥 𝐜𝐨𝐮𝐧𝐬𝐞𝐥𝐢𝐧𝐠! 👉 Perché la comunicazione è così fondamentale nel counseling? - Costruire relazioni autentiche: Una comunicazione aperta e onesta è il fondamento di...
Leggi di più
Loading…